Le fasi dell'attentato in Belgio

Non ho la sfera di cristallo ma leggo da anni tanti libri e giornali non solo Italiani, per me è chiaro ed era scritto su alcune riviste di geopolitica che la Cia una decina di anni fa aveva organizzato in Belgio un centro di reclutamento e istruzione di probabili futuri terroristi. E' molto probabile che il Belgio e la Francia erano al corrente di questo ma concordi con il piano per destabilizzare paesi Europei in linea con il piano di oltre oceano di trasformare l'Europa in un protettorato USA.  Che l'ISIS sia stata creata dagli USA appoggiando alcuni stati Arabi penso sia oramai di dominio pubblico e innegabile, inoltre tutte le norme che vengono proposte dopo gli attentati sui vari giornali sono rivolte a limitare la libertà dei cittadini in tutti sensi  e togliere il contante dalle mani dei privati. Una bella manovra molto astuta a favore di chi vuole comandare il mondo intero. E' inutile parlare dei terroristi ma parliamo e cerchiamo chi li arma e li finanzia. Alcuni giornali non nominano la parola Islam già questo è un indice da che parte stanno gli editori che fanno i fiancheggiatori a certe azioni. Non credo che tutti i cittadini vadano in giro con la sveglia al collo per ora stanno a guardare cosa succede ma il rischio è che in futuro scoppi una guerra civile speriamo di no. Giovanni

Rai.it

Siti Rai online: 847