Spazio Bigazzi: verdure tagliate e intere Spazio Bigazzi Ingredienti: Spazio Bigazzi Non solo Chef Beppe Bigazzi Procedimento: Prima che "cacciatore" o "agricoltore", l'uomo è stato "cercatore"; per questo motivo i suoi primi alimenti erano costituiti da verdure; la carne o altro rappresentavano un colpo di fortuna! E ancora oggi, a sentire i così detti "dietisti" e a guardare a quello che da sempre ha fatto la gente di campagna, le verdure sono parte sostanziale dell'alimentazione. Straordinarie ricette "dei secoli e millenni passati" sono a base di verdure (con aggiunta di uova, legumi o pane) e ancora oggi rappresentano piatti straordinari: - l'ACQUACOTTA della Maremma - La TORTA DI ERBI della Lunigiana e Garfagnana - L'ERBAZZONE d'oltre Appennino - La MINESTRA DELLE 100 ERBE ( legata alla magia del cambio delle stagioni). Ricordo quelle toscane perché mi sono più familiari, ma non c'è regione che non abbia le sue..... Parlando sempre di piatti della gente semplice, penso al modo più semplice di consumare le verdure: con olio, sale ed eventualmente aceto. Ma qual è il DIFETTO delle verdure?? Gravissimo per la mentalità odierna, il loro difetto è dato dal fatto che vanno pulite, lavate e tagliate. La gente è troppo occupata per perdere 2/3 minuti per lavarle e tagliarle. Ecco allora che i "bancarellari" e "fruttaroli" hanno cominciato a fare il così detto "misto insalata", non raramente fatto con verdure di scarto o utilizzando parti di pianta che normalmente vanno eliminate ; una volta tagliate sono lavate e rinfrescate in acqua...........Questo comporta che l'acqua di vegetazione (quella che esce quando si tagliano le coste dell'insalata, ad esempio) se ne vada con l'acqua di lavaggio. Questo "servizio" fa aumentare del doppio circa il costo delle verdure intere, le rende meno nutrienti, determina una diminuzione dell'apporto vitaminico e compromette la conservabilità. Chi ha ancora meno tempo compra quelle confezionate del supermercato. A differenza delle precedenti questa ultima dura un po' di più perche conservata in ATMOSFERA MODIFICATA. Procedimento:
Prima che “cacciatore” o “agricoltore”, l’uomo è stato “cercatore”; per questo motivo i suoi primi alimenti erano costituiti da verdure; la carne o altro rappresentavano un colpo di fortuna! E ancora oggi, a sentire i così detti “dietisti” e a guardare  a quello che da sempre ha fatto la gente di campagna, le verdure sono parte sostanziale dell’alimentazione. Straordinarie ricette “dei secoli e millenni passati” sono a base di verdure (con aggiunta di uova, legumi o pane) e ancora oggi rappresentano piatti straordinari:
- l’ACQUACOTTA della Maremma
- La TORTA DI ERBI della Lunigiana e Garfagnana
- L’ERBAZZONE d’oltre Appennino
- La MINESTRA DELLE 100 ERBE ( legata alla magia del cambio delle stagioni).
Ricordo quelle toscane perché mi sono più familiari, ma non c’è regione che non abbia le sue.....
Parlando sempre di piatti della gente semplice, penso al modo più semplice di consumare le verdure: con olio, sale ed eventualmente aceto. Ma qual è il DIFETTO delle verdure??
Gravissimo per la mentalità odierna, il loro difetto è dato dal fatto che vanno pulite, lavate e tagliate. La gente è troppo occupata per perdere 2/3 minuti  per lavarle e tagliarle. Ecco allora che i “bancarellari”  e “fruttaroli” hanno cominciato a fare il così detto “misto insalata”, non raramente fatto con verdure di scarto o utilizzando parti di pianta che normalmente vanno eliminate ; una volta tagliate sono lavate e rinfrescate in acqua...........Questo comporta che l’acqua di vegetazione (quella che esce quando si tagliano le coste dell’insalata, ad esempio) se ne vada con l’acqua di lavaggio. Questo “servizio”  fa aumentare  del  doppio circa il costo delle verdure intere, le rende meno nutrienti,  determina una diminuzione dell’apporto vitaminico e compromette la conservabilità. Chi ha ancora meno tempo compra quelle confezionate del supermercato. A differenza delle precedenti questa ultima dura un po’ di più perche conservata in ATMOSFERA MODIFICATA. 

 

]]>