LogoEditoreMinisito_Rai.itLogoEditoreMinisito_RaiTv_2012
Parchi Nazionali
Un patrimonio dal valore inestimabile non solo per flora e fauna, ma anche per architettura, arte, tradizioni popolari, artigianato ed enogastronomia. Uno strumento fondamentale per la tutela, la conservazione e la promozione del nostro paese. Impara a conoscere l’Italia più bella

>>Per saperne di più
Aree Marine Protette
Il mare protetto italiano, un patrimonio incredibile per ricchezza e varietà di specie animali, vegetali e testimonianze archeologiche, storiche e architettoniche. Scopri cosa sono e dove sono le Aree Marine Protette italiane

>> Per saperne di più
Agire per l'ambiente
Immissione di gas serra in atmosfera, deforestazione, inquinamento, allarme energetico: sono alcuni dei tanti fattori che stanno mettendo a serio rischio la conservazione del pianeta; temi attuali che rappresentano le grandi sfide dell’ecologia e che necessitano, oggi più che mai, di una soluzione.

>> Per saperne di più
Stili di vita ecocompatibili
L’amore per la natura si vede anche nei piccoli gesti quotidiani. Le nostre scelte di vita infatti possono avere un impatto notevole sull’ambiente senza che noi ne siamo consapevoli. Quali sono allora le scelte “giuste” e ispirate ad uno stile di vita in armonia con l'ambiente?

>> Per saperne di più

Area marina protetta Torre del Cerrano

  • Regione: Abruzzo
  • Province: Teramo
  • Comuni: Atri, Pineto, Silvi
  • Estensione: 3.431 ettari
  • Istituzione: DM 218 28/07/2009
  • Ente gestore: Consorzio di Gestione dell'Area Marina Protetta Torre del Cerrano

La «regione verde d'Europa», l'Abruzzo, ospita l'Area Marina Protetta Torre del Cerrano, grande circa 37 km quadrati, racchiusa in una fascia di mare della costa adriatica teramana ed estesa per circa tre miglia verso il largo e lungo una decina di chilometri della corrispondente duna costiera sabbiosa. Già nel nome, «Torre del Cerrano», ci sono racchiusi identità e storia del luogo: Cerrano è il torrente che scende dalle colline di Atri; la Torre, è stata costruita nel 1568 dagli spagnoli, ed è la sede del Centro di biologia marina, a due chilometri dal centro di Pineto. La caratteristica dell'area terrestre costiera è data dall'esistenza di tre habitat dunali costieri (Dune con presenza di Euphorbia terracina, Stagni temporanei mediterranei, Dune mobili con presenza di Ammophila arenaria). L'area marina, che delimita sette chilometri di costa fra i Comuni di Pineto e Silvi, completa un programma di protezione e valorizzazione dell'ambiente che ha visto protagonista una rete di oasi sottomarine utili a favorire il ripopolamento e l'analisi dell'ecosistema marino.

Rai.it

Siti Rai online: 847