radio3

Forlì - 10 giugno

Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione

3 ottobre 2017



3 ottobre 2017

GIORNATA NAZIONALE IN MEMORIA DELLE VITTIME DELL'IMMIGRAZIONE 

La voce di Tareke Brhane ricostruisce il naufragio del 3 ottobre 2013 all'interno delle trasmissioni di Radio3. La sera, poi, teatro e musica in diretta dalla sala A di via Asiago.

 

Il 3 ottobre è la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione.

Per l’occasione abbiamo chiesto a Tareke Brhane, Presidente del Comitato 3 ottobre, di leggere un testo che ricostruisca, attraverso dati e numeri, quella tragica giornata del 3 ottobre 2013 che vide il naufragio di un’imbarcazione carica di esseri umani a un solo mezzo miglio dalla costa di Lampedusa.

Non potendo dare un nome a tutte le vittime migranti morte nel tentativo di arrivare sulle nostre coste, da quel giorno fino a oggi il testo che ascolterete è il tentativo di ricordarle. Una per una.  

Qui comincia, Prima Pagina, Pagina 3, Tutta la città ne parla, Radio3 Scienza, il Concerto del mattino, L’idealista, FahrenheitHollywood Party manderanno in onda un frammento della storia che Tareke Brhane racconterà, celebrando così questa giornata che è anche la “nostra” giornata.
Il naufragio di Lampedusa, letto da Tareke Brhane, si potrà ascoltare nella sua interezza la sera durante la trasmissione Radio3 Suite, poco prima delle due dirette trasmessedalla Sala A di via Asiago, 10 - Roma. La prima è la diretta teatrale del Teatro di Radio3 di Scene dalla fontiera, che inizierà alle ore 21.00, la seconda, a seguire, è il concerto Better Days della Piccola Orchestra di Torpignattara.


Inoltre, alle 11.00 andrà in onda lo speciale di Radio3Mondo intitolato Rondine, dove il nemico diventa un amico - Voci e storie dalla Cittadella della Pace che racconta la storia di giovani provenienti da diverse culture e da paesi generalmente identificati dalla storia come nemici. Per loro Rondine è l'occasione di studiare e vivere insieme con l'obiettivo e la speranza di diventare leader pacifici di domani.


Alle ore 14.00 il programma Wikiradio trasmetterà Il naufragio di Lampedusa (stesso titolo delle letture di Tareke Brhane, ma contenuti del tutto diversi) raccontato da Alessandro Leogrande.

La Giornata nazionale delle vittime dell'immigrazione sarà anche l'occasione per trasmettere il radiodocumentario in tre puntate Turboradiofiction: donne migranti e routine superpotenti realizzato per Tre Soldi da Anna Raimondo, in onda il 3, 4 e 6 ottobre alle 19.50.


_____________________________________



Programma della diretta serale dalla Sala A di via Asiago, 10 - Roma

Per partecipare all'evento è necessario scrivere a teatro3@rai.it entro le ore 12.00 di lunedì 2 ottobre e avere conferma scritta dell’avvenuta prenotazione. Si accettano prenotazioni fino ad esaurimento posti disponibili. L’entrata è consentita dalle ore 20.30 e non oltre le ore 21.00.


Scene dalla frontiera
di e con Davide Enia
musiche in scena Giulio Barocchieri
direzione organizzativa Luca Marengo
produzione Teatro di Roma -Teatro Biondo Palermo -Accademia Perduta Romagna Teatri 

Tratto dal suo ultimo romanzo, Appunti per un naufragio (Sellerio, 2017), Scene dalla frontiera racconta ciò che sta accadendo nel Mediterraneo, focalizzando l’attenzione su chi lavora nelle squadre di soccorso a mare. Lampedusa, da lepas, lo scoglio eroso dalla furia degli elementi, che resiste nella vastità del mare aperto. Oppure Lampedusa da lampas, la fiaccola che risplende nel buio, che sconfigge l’oscurità. Al centro c’è un pugno di uomini e donne sul confine di un’epoca e di un continente.

Scene dalla frontiera userà i linguaggi propri del teatro (il gesto, il canto, il cunto) per muoversi in questo mosaico. Gli incontri sono costellazioni uniti assieme dal fatto che il soggetto che ha raccolto quelle parole, quei silenzi, quei piani improvvisi sono stato sempre io. È un modo di riflettere su quanto sta accadendo, davanti al pubblico, ponendo dubbi, provando a elaborare il lutto, affrontando il presente e la sua complessità. Perché quanto sta accadendo a Lampedusa non è soltanto il punto di incontro tra geografie e culture differenti, ma è il ponte tra periodi storici diversi, il mondo come l’abbiamo conosciuto fino a oggi e quello che potrà essere domani. Sta già cambiando tutto, e sta cambiano da almeno un quarto di secolo.



Better Days
Piccola Orchestra di Tor Pignattara
Direzione artistica Pino Pecorelli 

La Piccola Orchestra di Tor Pignattara è un progetto musicale e sociale rivolto a minori stranieri ed italiani, alle cosiddette “seconde generazioni” (figli di immigrati nati e/o cresciuti in Italia), ai figli di coppie miste presenti sul nostro territorio, ai minori non accompagnati, con particolare attenzione agli utenti più deboli ed alle situazioni individuali e familiari di maggiore fragilità sociale. Il progetto è nato a Roma nel quartiere popolare di Tor Pignattara, di cui porta il nome, un simbolo di una città (e di un paese intero) che cambia, con tanta bellezza e molte contraddizioni, ma è aperto ai ragazzi di tutta la città. Il progetto persegue due finalità complementari su cui si è sempre lavorato parallelamente e che costituiscono le fondamenta del progetto: la promozione di valori quali il dialogo culturale e l’integrazione, e la promozione dell'agio nei preadolescenti e adolescenti, soprattutto “migranti di seconda generazione”.


Vai alla galleria fotografica >>